Praga cosa vedere

Praga in 3 giorni

Cosa vedere in 3 giorni a Praga? Ecco come ottimizzare una visita veloce della città, cercando di non tralasciare nulla.

Ci sono luoghi che dovete assolutamente includere nella visita ed altri che potete scegliere, anche al momento, in base ai vostri interessi o curiosità:

Armatevi di mappa (o google maps…) e pianificate un percorso dal vostro hotel toccando questi punti imperdibili:

  1. zona città vecchia con:
    1. orologio astronomico
    2. piazza della città vecchia
    3. università Carolina
    4. teatro degli stati
    5. torre delle polveri
    6. casa municipale
  2. zona ebraica con:
    1. antico cimitero ebraico
    2. sinagoghe di Praga (Vecchio-Nuova, Maisel, Klausova, Pinkasova e Spagnola)
    3. antico municipio ebraico
  3. Il ponte Carlo
  4. zona di Mala Strana con:
    1. Kampa
    2. muro di J.Lennon
    3. chiesa della Maria Vittoriosa (Bambin Gesù di Praga)
    4. chiesa di S. Nicola
    5. Via Nerudova
  5. zona del Castello di Praga
    1. il castello
    2. il duomo di Praga (San Vito)
    3. basilica di San Giorgio
    4. antico palazzo reale
    5. vicolo d’oro

A questi dovete aggiungere una passeggiata lungo la piazza di San Venceslao, che si trova nella città nuova, con annessi i passaggi interni tra i palazzi.

Se volete pianificare in maniera autonoma le visite, ricordatevi tenere conto che i monumenti religiosi sono chiusi al pubblico durante le celebrazioni. Questo significa che non bisogna organizzare una visita ai musei ebraici (parti interne) nei giorni di Sabato o di feste ebraiche. Lo stesso discorso vale per la visita al castello la domenica mattina o durante le feste cristiane in quanto nel duomo si celebrerà la S. Messa e non sono ammessi i giri turistici.

Se volete comprendere al meglio la storia della città, è consigliabile (ma non obbligatorio) anteporre la visita del centro (città vecchia. mala strana, quartiere ebraico e ponte Carlo).

Quanto tempo dedicare alle visite di Praga?

Per una visita generica informativa solo esterna, calcolate un’ora e mezza – due ore per cadauno dei quartieri (castello, mala strana, città vecchia e quartiere ebraico) e una mezz’ora per il ponte Carlo. Poi, se vorrete entrare per musei o interni di chiese, allora calcolate il doppio del tempo per ciascun quartiere.

PIANO GENERALE PER LE VISITE GUIDATE:

GIORNO 1

Mattino:

  1. Città vecchia + zona ebraica (2,5 ore)
    1. eventuali musei ebraici: + 2 ore di visita
    2. entrate a chiese + 30′-45′ (consigliate: S.Maria davanti a Tyn, San Nicola di città vecchia, San Giacomo)
  2. Ponte Carlo (30 – 45′)

Pomeriggio:

  1. Mala Strana (1,5 ore)
    1. con ingresso alle chiese: + 1,5 ore (consigliate: Santa Maria Vittoriosa e San Nicola di Mala Strana)

Oppure:

  1. giro per la piazza di San Venceslao e parte della città nuova (1,5 – 2 ore)

GIORNO 2:

  1. Castello di Praga (2 ore)
    1. ingresso ai monumenti (San Vito, San Giorgio, palazzo reale, vicolo d’oro): + 2 ore
    2. allargamento del giro alla parte alta del castello (Strahov, Loreto e via di Novy Svět) + 1,5 ore senza ingressi ai monumenti, con ingressi + 2,5 ore

Pomeriggio:

Mala strana o Piazza San Venceslao

GIORNO 3:

Dedicate la terza giornata a una visita complementare e di relax come:

  1. Il parco di Petrin:
    Da Mala Strana (fermata UJEZD) raggiungete con la funicolare la sommità della collina di Petrin da dove si gode di una vista unica della città. Potete quindi salire sulla torre panoramica, portare i bambini al labirinto degli specchi e scendere o attraverso il parco, oppure, se non lo avete già fatto, passare per la parte alta del castello (Strahov e Loreto) e scendere poi per la via Nerudova (quindi ottimizzando il percorso già proposto)
  2. Passeggiata lungofiume della città nuova:
    Da ponte Carlo, lato Città Vecchia, seguite il marciapiede lungo il fiume andando contro corrente. Passerete davanti al teatro nazionale e alla casa danzante. Poi, passato il ponte della ferrovia, alla vostra sinistra troverete la collina di Vysehrad, con il cimitero monumentale, la basilica minore dei SS Pietro e Paolo e le mura di cinta della fortezza.
  3. Pomeriggio o sera: un giro con la barca sulla Moldova.
    Per poter ammirare la città dal punto di vista del fiume e rivedere i monumenti e i palazzi che, oramai, già conoscete bene. Ci sono giri in battello per tutti i gusti: da un giro semplice a uno con pranzo o cena a bordo.

COMPRARE I BIGLIETTI DI INGRESSO

I biglietti di ingresso li potete fare sul posto, non serve a nulla prenotare i biglietti online.
Sia il castello che il museo ebraico, che sono i luoghi più visitati, hanno diversi punti vendita. Di solito la gente si affolla solo su quello principale e per questo sono nati i personaggi che vi “fanno saltare la fila” rivendendovi a prezzo maggiorato un biglietto che potete comprare anche voi in 5 minuti.

mercatino delle pulci

Alla fiera dell’Est: i mercatini delle pulci di “U Elektry”

Alla fiera dell’Est: i mercatini delle pulci di “U Elektry”

Nell’era comunista una delle incombenze più frequenti per i poliziotti di Praga era scovare i mercatini illegali in cui si vendevano dischi di band occidentali e altre merci tabù provenienti dall’Ovest. Evidentemente il regime era convinto di riuscire in questo modo a sopprimere l’imprenditorialità.
Quei mercatini perseguiti dalle autorità dell’epoca sono gli antenati di U Elektri, il più grande mercato delle pulci della Repubblica Ceca e forse dell’intera Europa. Su un’area di 50.000 metri quadrati, ogni sabato e domenica qui si può trovare praticamente tutto: attrezzi da giardinaggio, abbigliamento, elettronica, utensili e cibarie.

Accanto alle cose nuove di zecca troverete articoli di seconda mano e oggetti di antiquariato, come in ogni mercato delle pulci che si rispetti. Alcuni venditori allestiscono le loro merci in tipici stand o in chioschi mentre altri espongono i loro prodotti direttamente i loro prodotti nel bagagliaio delle auto o su tappeti stesi a terra.

Se volete fare acquisti in modo originale non potete perdervi questa chicca di Praga!
Il mercato U Elektri 888/3, 19000 Praha 9, si tiene ogni sabato e domenica dalle 7.00 alle 13.30.

SCEGLI UN TOUR GUIDATO DI PRAGA:

Mercatini di Natale di Praga
TOUR DEI MERCATINI DI NATALE PRAGA

15€ adulti – 2€ figli minorenni ✪ -/- – (0 valutazioni) NUOVO !

Tour serale
TOUR DEI FANTASMI DI PRAGA

20€ adulti – 18€ ridotto ✪ 4.9/5 – (41 valutazioni)

TOUR DELLA CITTÀ NUOVA DI PRAGA

Adulto: 15€ ✪ 4.9/5 – (23 valutazioni)

TOUR DEL CASTELLO E MALA STRANA

Adulto: 15€ ✪ 4.6/5 – (66 valutazioni)

Tour Italiano Praga
TOUR GRATIS DI PRAGA

GRATUITO ! ⭐⭐⭐⭐⭐ 4.9/5 – (75 valutazioni)

tour dei fantasmi
TOUR COMPLETO DEL QUARTIERE EBRAICO DI PRAGA

35€ adulti – 29€ ridotto ✪ 4.9/5 – (81 valutazioni)

Mercatini di Natale a Praga
Mercatini di Natale 2022 a Praga

I mercatini di Natale torneranno dopo due anni di assenza. Scopri cosa aspettarti dal natale praghes…

Gli edifici cubisti

Passeggiando per Praga noterete alcuni edifici un po’bizzarri e diversi dal solito…intorno al 1900 infatti alcuni artisti cechi decisero di utilizzare anche in architettura i principi di Picasso: gli spigoli netti, le strutture cristalline e la compenetrazione dei piani.
Nacque così qualcosa di unico, che esiste solo nella Repubblica Ceca: il cubismo architettonico.

In nessun altro luogo al mondo troverete così tanti edifici cubisti come a Praga. Sarebbe un peccato visitare solo la casa della Madonna Nera a Celetná… infatti ai piedi delle rupi di Vyšehrad lungo la Moldova potrete ammirare delle opere forse ancora più belle in questo stile originale. Tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento dopo il cosiddetto “risanamento” sotto la cui scure cadde anche questo quartiere di zatterieri e venditori di legno, qui vennero costruite molte nuove case. Persino Josef Chochol, un’architetto dal carattere difficile, riuscì ad ottenere un incarico, come la villa bianca a tre piani che gli era stata commissionata dal costruttore Bedřich Kovařovic. La villa è situata all’interno di un giardino geometrico e ha un’imponente facciata monumentale sul lato della Moldova. Camminando lungo il recinto, sempre in stile cubista, si ha l’impressione che la facciata sporgente si giri verso lo spettatore, ma la vista migliore della villa si ha dal ponte ferroviario proprio di fronte. Poco distante, al 6/10 dell’argine Rašín, si trova un altro lavoro di Chochol, una villa trifamiliare bianca e rossa con il tetto mansardato.
La sua opera più importante è invece l’angolo tra la Neklanova e la Přemyslova: il condominio, commissionato a Chochol da František Hodek intorno al 1913, si allunga come la prua di una nave, ma purtoppo il suo bell’ingresso cubista è deturpato da cartelloni pubblicitari.
Ora queste case vengono utilizzate come abitazioni o locali commerciali, eppure basta guardarle da fuori e ammirare le facciate per essere trasportati in un sensazionale viaggio nel tempo.

simboli in Nerudova

Una passeggiata a Nerudova tra antichi stemmi e curiose simbologie

Per godervi appieno la meravigliosa città di Praga non può mancare una passeggiata nel cuore pulsante della capitale, Mala Strana ed in particolare in Via Nerudova, l’ultima tappa della Via Reale.

Se alzate lo sguardo al di sopra dei negozi di souvenir scoprirete un mondo affascinante: quello dei simboli e degli stemmi che davano il nome alle case di Praga. Fino al Settecento infatti, quando Maria Teresa introdusse i numeri civici, i rilievi e le piccole sculture che ornavano le case erano essenziali per l’orientamento. A Praga se ne sono conservate circa duecento e le più belle si trovano proprio sulla Nerudova. Le insegne indicavano la posizione, la professione o il nome del proprietario dell’abitazione, ma la loro origine può essere determinata solo per una piccola parte. un’eccezione è la casa “Ai tre violini”, abitata da tre famiglie di liutai; si narra che nelle notti di luna piena si possa udire ancora un concerto di fantasmi. Vi sono poi i soggetti animali, come l’agnello rosso o il gambero verde; più rari i vegetali, come la rapa bianca.
Una delle maggiori attrazioni, quasi in cima alla Nerudova, è la famosa casa “Ai due soli”. Qui viveva Jan Neruda, il grande scrittore che ha dato il nome alla via , autore dei pittoreschi “Racconti di Malá Strana”. Se non siete ancora stanchi proseguite la passeggiata su via Uvoz oppure prendete la strada a destra per il castello e godetevi il meraviglioso panorama di Praga.

gita in barca

Gita in barca nel tunnel acquatico sulla Moldova

Tutti conoscono il Ponte Carlo, ma pochi sanno che il simbolo di Praga nasconde un tunnel acquatico lungo 120m. Se affittate una barca potrete passare non solo sotto una delle arcate del Ponte, ma anche sotto la volta romanica del suo predecessore del XII secolo: il ponte di Giuditta. Osservandolo dalla Křižovnické náměstí sembra che il Ponte Carlo inizi dalla torre. Invece la piazza copre un arcata dove scorre un braccio della Moldova, utilizzato in passato come canale per i mulini della Città Vecchia, dove oggi c’è il ponte pedonale Novotného lávka.
Quando nell’Ottocento fu installata la statua di Carlo IV, fu costruito anche un molo e l’ultima arcata rimasta del ponte di Giuditta venne interrata. La piazza fu allargata e nacque anche il tunnel acquatico di cui vi parlavamo. Per arrivarci bisogna attraversare un portone di ferro vicino alla chiesa di San Francesco d’Assisi. Le pietre umide del ponte di Giuditta trasudano storia e dalla barca potrete ammirare il Ponte Carlo da una angolazione insolita avendo un’ottima vista di Malá Strana e del Castello. Il rilievo in pietra che raffigura un uomo barbuto di nome Bradáč serviva nel Medioevo per misurare l’altezza del fiume: se l’acqua raggiungeva la barba, era tempo di evacuare la Città Vecchia. Bradáč si trova ora sul molo di Křižovnické náměstí, dove fu spostato nel XIX secolo. Oggi ne è stata messa una copia nel luogo in cui si trovava in origine, un pilone del ponte di Giuditta, a destra, vicino alle scale che portano all’approdo delle barche. Cosa aspettate? Sarà bellissimo visitare Praga da un’angolazione diversa, navigando su una delle tante barche che attraversano la Moldova.

Ecco alcune proposte di crociere sul fiume a Praga

unora di barca
Popolare
  • 2 Ore

Concedetevi un pranzo con crociera lungo il fiume Read More

crociera Praga
  • 1 Ora

Vivi l'esperienza di una crociera a Praga di un'ora Read More

giro in battello Praga
Molto richiesto
Popolare
  • 3ore

Una crociera su fiume con vista panoramica e cena Read More

La cassetta dei funghi- un’imperdibile curiosità!

I cechi, sulla faccia della terra, sono una delle popolazioni più distanti dalla religione. Eppure nella loro capitale c’è una statuetta venerata dai cattolici di tutto il mondo, il famoso Bambin Gesù di Praga, conservato nella chiesa di Santa Maria della Vittoria. Proprio lì di fronte però si trova un posto poco appariscente ma molto più terreno che caratterizza il popolo ceco certamente meglio dei simboli religiosi.
Nascosto nell’androne di un palazzo, sulla parete destra è posizionata una cosa che non vedrete da nessun’altra parte: una cassetta per i funghi. Molti cechi, almeno una volta all’anno, hanno l’abitudine di raccogliere i funghi nei boschi. Questo hobby è nato proprio durante il periodo comunista quando frutta e verdura erano molto care e difficilmente reperibili e i funghi ( in ceco, houba) rappresentavano un gustoso alimento che si poteva trovare gratuitamente passeggiando nei boschi e senza dover spendere un centesimo. Così la necessità di un tempo si è trasformata oggi in una tradizione e tantissimi cechi si dedicano con tanta passione a questo passatempo che rappresenta anche un’ottima scusa per fare movimento all’aria aperta. Per controllare il loro bottino utilizzano questa cassetta: appoggiano il cesto coi funghi nella cassetta, collocata dietro una porticina di legno, e compilano un formulario con alcune informazioni. Poi aspettano di ricevere una mail dalla Società Micologica Ceca che svelerà loro se i fughi raccolti sono o meno commestibili e a quale specie appartengono. La Società è una delle migliori istituzioni al mondo di questo tipo e il suo cofondatore, il leggendario micologo František Smotlacha, sperimentò su di sé oltre 1700 tipi di funghi. La cassetta è stata un’idea del figlio del proprietario della casa e della nipote di Smotlacha, che porta avanti la tradizione di famiglia.

Il caffè nel mulino- una passeggiata nel parco di Kampa verso il Kavárna Mlýnská.

Prendetevi un po’ di tempo libero per passeggiare nel rilassante parco di Kampa: attraversando il prato non potrete non accorgervi della caratteristica entrata del bar, è facile infatti riconoscere il Kavárna Mlýnská dalla ruota di mulino che gira nella Čertovka (in italiano, “canale del diavolo”), un braccio della Moldova che separa Kampa dalla terraferma. Il locale è chiamato dai suoi frequentatori anche Mlejn (mulino, appunto) o Da Kotas, comproprietario e anima del Kavárna. Sarà piacevole sorseggiare un delizioso caffè o accompagnare la birra con un ottimo hermelin artigianale in salomoia, il tipico formaggio ceco dal gusto cremoso e un po’ acidulo. Qui troverete soprattutto stuzzichini per accompagnare la birra e il vino che si prestano perfettamente per una piacevole siesta ma se volete mangiare sul serio allora, dopo aver fatto tappa al caffè , vi consigliamo di consumare la cena in uno dei tanti ristoranti di cucina tipica locale nell’isola di Kampa. Non stupitevi: se il Kavárna Mlýnská di giorno è un comune caffè, sappiate che di sera si trasforma in un’arena politica. Qui infatti c’è la sede non ufficiale dei sostenitori di Karel Schwarzenberg, sconfitto da Zeman (l’attuale presidente) alle elezioni presidenziali del 2013 soltanto per pochi voti. Mentre il presidente è da sempre vicino alla Russia, questo bar è diventato il rifugio per tutti coloro che invece appoggiano le basi americane nella Repubblica Ceca. Tra i frequentatori assidui del bar nel mulino non mancano volti famosi come il provocatorio artista David Černý.